14
marzo

I comici di Made in Sud 2017 (le conferme)

Enzo Fischetti

Elisabetta Gregoraci e Enzo Fischetti

Made in Sud è ormai ai nastri di partenza. Nell’attesa che l’ottava stagione abbia inizio (stasera, alle 21.20, su Rai 2), andiamo a conoscere una parte dei comici che saliranno sul palco del popolare cabaret (qui l’altra parte).

Made in Sud 2017: le conferme del cast di comici

La tradizione partenopea è sempre stata al centro dei monologhi di Ciro Giustiniani. Napoletano doc, nei suoi numeri si serve di alcune peculiarità della propria terra per mettere a nudo vizi e virtù di tutta la società italiana. Diversi i riconoscimenti che ha ottenuto dalla critica, fra cui l’ambito Premio Charlot. Il cabarettista si è imposto all’attenzione del pubblico di Rai 2 con il suo Don Ciro (parodia de il Boss delle Cerimonie, che ha scelto di continuare a proporre nonostante la scomparsa dell’originale).

Proviene da Napoli anche Edoardo Guadagno. Classe 1983. Attore, comico, e autore professionista, Edoardo ha collaborato anche con  compagnie teatrali di spessore: Gino Rivieccio, Vittorio Marsiglia sono solo alcuni dei nomi di interpreti che ha potuto incontrare lungo la sua carriera. Fra i suoi numeri più emblematici, si può citare la parodia di Mario Bross.

Enzo Fischetti. Nato a Firenze nel 1965, ex arbitro di calcio, classificato secondo nell’edizione 1998 di ‘Sì… pariando’. Ha lavorato a Pirati, trasmesso su TeleNapoli34. Ha partecipato a Bulldozer e al Maurizio Costanzo Show e ha recitato nel film Impepata di nozze, noto per il monologo in cui insegna le basi del napoletano. A Made in Sud si pone come una sorta di ponte col resto d’italia, grazie all’ausilio del terronometro, uno strumento con cui traduce le battute in dialetto troppo stretto.

Francesco Albanese. Nato nel 1975. I primi passi come attore comico li ha fatti accanto ad Alessandro Siani e a Peppe Laurato,  conosciuti durante le scuole superiori. Il pubblico più attento lo può ricordare nella pellicola Benvenuti al Sud, del 2010. Risale al 2015, invece, la sua prima prova come regista, nel film Ci devo pensare. Segni particolari: riesce a muovere le orecchie come mai nessuno fino ad ora.

Frank Carpentieri. Classe 1976, napoletano. Amante della musica, inizia a suonare la batteria a soli nove anni. Divenuto un dj di discreto successo, nel 1997 conosce Raiz degli Almamegretta. L’incontro rappresenta il preludio per una collaborazione piuttosto fruttuosa. L’anno successivo viene scelto per chiudere i concerti degli Alma. La tv lo accoglie a partire dal 2007, quando prende parte al programma comico di Rai 2, Tribbù. Di recente, ha avuto modo di fare una piccola incursione anche nel mondo cinematografico, nella pellicola diretta e interpretata da Siani, Il principe abusivo.

Dalla provincia di Bari arriva Tommy Terrafino. In passato, è stato membro del duo comico “Savino e Terrafino”. Esperienza giovanile, che ha ben presto lasciato il posto ad una carriera da solista. Dopo aver vinto alcune manifestazioni di cabaret, fra cui il Festival di Martina Franca, è stato accolto nel cast fisso del “Risollevante tour”. Il talent della risata di La 7, Il Boss dei Comici, lo ha fatto conoscere al pubblico televisivo.

Gino Fastidio. Cantautore e musicista, inizia il suo circuito artistico nel 2005, con il trio dalle sfumature superpank ‘I gino fastidio’. Dopo aver partecipato a vari laboratori di cabaret come solista, nel 2009 risulta finalista al Premio Troisi e Charlot. Sempre in quell’anno si aggiudica il Festival di Vico Equense. Fra i suoi sketch più noti, quello ruotante intorno alla “chitarra rosatronica” e quello relativo alla terra dei fuochi.

Mariano Bruno: classe 1979, partenopeo. Gli esordi nel mondo del cabaret risalgono al 1999. Per alcuni anni, fino al 2002, porta in giro per l’Italia alcuni suoi spettacoli. L’anno di svolta è il 2008, quando, superate le selezioni, entra a far parte dell’allora neonato Made in Sud. Nel 2013 è stato scelto nel cast de Il principe abusivo.

Il versante romano è rappresentato anche da Marco Capretti. Ancor prima di entrare nel cast di Made in Sud, Marco non era di certo un “homo novus” della televisione nostrana. Apparso in Studio Uno Show, Matinee, Stracult, Base Luna, transitato per il Maurizio Costanzo Show, ha frequentato pure la piattaforma Sky, in due edizioni di SCQR e Comedy Tour. Nel 2016 ha preso parte al contenitore comico di Rai 4, Challenge 4. Sempre nello stesso anno ha pubblicato il suo primo libro Ma come si riproducono i puffi?, opera in cui ha voluto mettere in risalto i paradossi e le assurdità del web.

Carriera televisiva avviata anche per Marco Critelli. Attore, autore, cabarettista, speaker e anche bravo prestigiatore: una personalità artistica spalmata a 360 gradi, la sua. Prima di Made in Sud, Marco si è fatto conoscere al pubblico televisivo, partecipando a numerosi programmi di prima serata, come Scherzi a parte, Beato fra le donne, Scommettiamo che. Piccola curiosità: il suo nome è legato anche alla dimensione della clown-terapia, di cui è educatore.

Fra i comici più rappresentativi di Made in Sud non si può non citare Maria Bolignano. Diplomata all’Accademia Napoletana di Teatro di Napoli, vince nel 2005 il Premio Massimo Troisi (dedicato a Tina Pica). Sono molte le fiction e le miniserie in cui ha recitato: da Un ciclone in famiglia a Due imbroglioni e mezzo, passando anche per Baciati dall’amore. Nel set di quest’ultima conoscerà Lello Arena, destinato a divenire suo grande amico, oltreché maestro. Proprio Lello curerà la regia della sit-com live di Rai 2, FATTI UNICI. Di recente, Maria, che nel corso degli anni ha curato anche la regia di numerosi spettacoli teatrali, è apparsa nell’ultima puntata della fiction I bastardi di Pizzofalcone.

Partenopeo anche Mino Abbacuccio, classe 1982. L’arte di strada e l’animazione lo avvicinano al mondo dell’intrattenimento. Interessato ad una comicità dalle sfumature riflessive, Mino partecipa nel 2007 al laboratorio “Sì… pariando”, presso il Teatro Tam di Napoli. Nello stesso anno ottiene il Premio Arte Umoristica, due anni più tardi (nel 2009) conquista il riconoscimento del pubblico, della critica e della giuria nella manifestazione “Vado al Massimo”, dedicata a Troisi. Nel 2010, invece, raggiunge l’ illustre Premio Charlot.

Nello Iorio: al secolo Angelo Iorio, è un comico, caratterista e attore italiano. Nato a Napoli, ha iniziato a recitare a livello amatoriale nel 1989. Dal 1998 si è concentrato in particolare sull’attività di monologhista. La sua formazione teatrale e il suo passato da animatore gli hanno permesso di istituire un feeling spontaneo e immediato con il pubblico. Uno dei punti di forza della propria comicità è dato dalla fisicità robusta di cui è dotato. Per alcuni anni ha portato in scena lo spettacolo dal titolo emblematico “Grasso è bello”, in cui gioca,  si diverte ad ironizzare sulle manie e le bizzarre abitudini di chi ha qualche chilo di troppo.

Ha esordito con il teatro amatoriale anche Paolo Caiazzo. Nato a San Giorgio a Cremano nel 1967, il comico, sul finire degli anni Ottanta, è stato parte di un duo, insieme ad un suo amico, chiamato “Paolo e Paolo”. Dopo molti spettacoli e una gavetta live particolarmente intensa, si aprono per lui le porte di TeleGaribaldi. Ha vinto, come alcuni suoi colleghi, il Festival Nazionale Charlot ed in seguito è approdato a Bulldozer (Rai 2). Raggiunto un discreto livello di notorietà, sceglie di lasciare il suo lavoro per dedicarsi anima e corpo al cabaret. Il personaggio che lo ha reso celebre, Tonino Cardamone, ha calcato, fra gli altri, anche i palchi di Colorado Café e Zelig Off.

Peppe Laurato. Classe 1978. Il suo debutto artistico risale al 1996, quando diviene membro del trio “A testa in giù”, con Alessandro Siani e Francesco Albanese. Il successo regionale giunge grazie a TeleGaribaldi (i tre portavano in scena lo sketch “I ragazzi della discoteca”). Alla fine del 1999 conosce Massimo Borrelli, insieme al quale fonda i Duo x Duo. Il matrimonio comico fra i due, foriero di numerosi successi – fra cui il Premio Massimo Troisi e quello della critica Bravo Grazie – viene meno nel 2016, a causa della morte del suo compagno di viaggio.

Fra le più giovani del cast, troviamo Rosaria Miele. Data di nascita: 1989. Napoletana, di San Giovanni a Teduccio. Approda a Made in Sud nel 2016, dopo aver partecipato al laboratorio “Sì… pariando”. A dar vita al suo bizzarro ed esilarante personaggio, la miss dalle taglie forti, è stato proprio Nando Mormone, il produttore del cabaret di Rai 2 che ha incontrato nel 2013.

Salvatore Misticone. Attore e cantante napoletano, classe 1945. Viene consacrato al grande pubblico dalla pellicola Benvenuti al Sud, in cui ha interpretato il ruolo del Signor Scapece. Ruolo che ha modo di recitare anche nel sequel, Benvenuti al nord. Nel 2012 prende parte al film di Matteo Garrone, Reality. A teatro, fra le varie partecipazioni, si può citare la commedia Benvenuti in casa Esposito, tratta dal romanzo di Pino Imperatore.

Salvatore Turco: napoletano, un’esperienza in un duo comico alle spalle, inizia la carriera da singolo nel laboratorio ‘Sì… pariando’. La famiglia di Made in Sud lo ha accolto lo scorso anno. Nel palcoscenico di Rai 2 interpreta un folle conduttore convinto di essere perennemente in diretta con il suo programma di cronaca nera, Trop Crime.



Articoli che potrebbero interessarti


Made in Sud - Don Ciro
Made in Sud: il boss delle cerimonie ‘arriva dall’Aldilà’ tra gli applausi della famiglia Polese (video)


trio d'italia
I comici di Made in Sud 2017 (new entry e gruppi)


Made in sud, imitazione Gabriel Garko
MADE IN SUD: LA TV “SOTTO ATTACCO” DEI COMICI DI RAI 2


Fatti Unici - Paolo Caiazzo e Maria Bolignano 2
FATTI UNICI: IL TEATRO RESTA (ADATTO AL) TEATRO, ANCHE SE FA SORRIDERE IN TV

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.